Header Ads

Elaborazione dei file Raw, giusto o sbagliato?

Credo che ci siate passati tutti un po' tutti: la gente mette in dubbio le vostre foto, etichettandole come "false" perché tendete ad elaborare i vostri file Raw.

Le persone che ne sanno ben poco di fotografia (soprattutto di paesaggio) spesso ignorano il funzionamento dei file Raw. Nel frattempo, si divertono a scattare foto "originali" con i loro smartphone, vantandosi di non editarle.

Non sapendo però cha maggior parte degli smartphone elabora le immagini in modo estremo per farle sembrare più "belle". Al giorno d'oggi gli smartphone possono fare affidamento su sofisticati algoritmi appositamente studiati per identificare le zone troppo chiare o scure di un immagine e correggerle, in modo da creare una foto perfettamente bilanciata con un bel dettaglio delle ombre e senza luci bruciate.

Per farmi capire, vi mostro la seguente foto:


Questa foto è stata scattata con un Sony Xperia 1 e non ha subito alcun processo di editing. Eppure vediamo un cielo ben esposto e un'immagine complessivamente ben equilibrata, inoltre, la foto ha una nitidezza molto elevata.

Mentre qui vi mostro la stessa foto scattata con una fotocamera di fascia alta, la Sony a7R IV:


Questo RAW ha un aspetto completamente diverso rispetto alla foto precedente foto scattata con lo smartphone. Le ombre sono scure, il cielo molto luminoso e, nel complesso, non rispecchia affatto la realtà! È un'immagine che deve essere elaborata.

Mentre gli smartphone elaborano automaticamente le immagini per farle apparire belle, noi fotografi dobbiamo farlo manualmente, ed una fatto il risultato è sostanzialmente lo stesso!

Ecco la versione elaborata dello scatto fatto con la Sony a7R IV:


Come potete vedere, appare "migliore" e più vicina all'immagine scattata con lo smartphone. Infatti, potrebbe assomigliare un po' più alla "realtà" rispetto alla foto "originale" fatta con l'Xperia, principalmente perché le ombre non sono così luminose e la nitidezza è lievemente inferiore.


Powered by Blogger.